Contenuto:

Castello di Neuschwanstein

La Sala del trono

 

Immagine: La Sala del trono

La sontuosità di questa sala che ricorda un edificio sacro e il suo imponente lampadario di quattro metri di altezza si estende al terzo e quarto piano e sull'intero lato occidentale del Palazzo.

A fare da modello accanto alle chiese bizantine fu la chiesa di corte di Ognissanti a Monaco. Nell'abside settentrionale doveva essere collocato – al posto dell'altare – un trono, che tuttavia non venne più realizzato dopo la morte del re

 

La combinazione di chiesa e Sala del trono illustra la concezione del potere secondo Ludovico II. Egli non si considerava infatti solo re per grazia divina, ma anche mediatore fra Dio e il mondo nella sua totalità. Questa idea si trova espressa anche nella cupola decorata di stelle e nel sottostante mosaico del pavimento che rappresenta la terra con le sue piante e i suoi animali.

Sotto la volta della cupola sono raffigurati rappresentanti di regni precristiani. Le immagini dell'area absidale mostrano Cristo, i dodici apostoli e sei re canonizzati, le pitture murali illustrano le gesta dei re e di altri santi. La Sala del trono non era però concepita per cerimonie ufficiali di stato. Esprime semmai le aspettative di Ludovico II riguardo alla monarchia.



 
Mostra lo sfondo
Torna ai contenuti
Aumentare i contrasti
Usa la vista standard