Contenuto:

Castello di Neuschwanstein

Sala da pranzo

Da un'anticamera rivestita in legno di quercia il visitatore accede alle stanze residenziali e agli ambienti di lavoro di Ludovico II. Già dal 1885 l'anticamera disponeva di un sistema di campanelli elettrici grazie al quale la servitù poteva essere chiamata da ogni stanza.

 

Immagine: Sala da pranzo

Le pitture murali illustrano scene con Wolfram von Eschenbach e altri cantori, incorniciati da pannelli in quercia con intagli in rilievo. Sulla tavola si trova un'alzata in marmo e bronzo dorato che mostra la battaglia di Sigfrido con il drago. Come in tutte le stanze residenziali del re i tessuti sono lavorati con molta accuratezza, qui sono in seta rossa con ricami in oro e guarnizioni.


| torna sopra |